SOCIAL, TRA SOLITUDINE E RABBIA

SOCIAL, TRA SOLITUDINE E RABBIA

SOCIAL, TRA SOLITUDINE E RABBIA
— Leggi su rossellatirimacco.com/2018/12/19/social-tra-solitudine-e-rabbia/

Annunci

Novità per whatsapp: difficoltà per gli auguri di Natale?

WHATSAPP NOVITA’: PROBLEMI PER GLI AUGURI DI NATALE?

Watsapp annuncia attraverso il suo account twitter una novità che potrebbe mandare in crisi gli inoltratori più sfrenati. Non si potranno inoltrare i messaggi a più di 5 persone contemporaneamente. Come faremo ad inoltrare il solito messaggio di auguri, magari copiaincollato da altri copiaincollatori, a tutti i contatti della nostra rubrica?

IL VALORE DEL SILENZIO NELLA COMUNICAZIONE.

In un articolo precedente avevo analizzato la potenza delle parole, nel bene e nel male: (le parole sono chiodi), tanto per autocitarmi.
Qui mi piace parlare del silenzio nella comunicazione, della necessità del silenzio, del suo potere. La musica è fatta di note ma anche di pause. Il vero oratore che utilizza le parole in modo fluente,è colui che sa arricchire il suo eloquio con pause che dosa saggiamente per dare enfasi, per catturaremahgiore attenzione. I discorsi più significativi sono preparati da lunghi silenzi che ci servono a riordinare il groviglio dei nostri pensieri. Il silenzio, quando non è un muro di gomma e diventa allora negativo, consente di recuperare serenità nei confronti troppo serrati. Se io sono ahgressivo e l’interlocutore sta in silenzio, io sono costretto a fermarmi per capire questa reazione. Il silenzio poi, è fortemente legato all’ascolto: è ovvio, più facciamo silenzio e più ci predisponiamo all’ascolto, e sappiamo quanto questa pratica sia importante e disattesa dai più. Si ledge e si scrive in silenzio, si Prega in silenzio anche se non sempre, le cose più buone le mangiamo in silenzio, si pensa, quando lo facciamo, in silenzio, si dorme anche in silenzio. Quante frasi e proverbi di saggezza popolare magnificano il silenzio/
(Un bel tacer non fu mai scritto), (la parola è d’argento, il silenzio d’oro).
Ma dunque dovremmo tacere più spesso? si certo, sarebbe davvero meglio.

ANATOMIA DEL PREGIUDIZIO

Siamo tutti vittime e carnefici, nessuno escluso: tutti sopesati, analizzati (sommariamente),giudicati dal nostro intuito che crediamo infallibile. Abbiamo fretta anche nei giudizi su cose e persone, ci lasciamo influenzare da opinionisti improvvisati, amici e colleghi superficiali come noi, articoli di giornali e non ultimi, dai social e da internet. Ebbene si, siamo incrostati da pregiudizi su tutto.
Qui il video sul mio canale youtube:

Ma cos’è il pregiudizio/ Wittgenstein lo definisce un “crampo mentale”, mentre per Albert Einstein, «È più facile spezzare un atomo che un pregiudizio”. Dal latino Prae (prima) Iudicium (giudizio), indica quel giudizio dato prematuramente, senza conoscere gli argomenti pro e contro. I pregiudizi sono durissimi a morire e ci condizionano in tutte le nostre scelte.
Ma cosa determina il Pregiudizio? Credo la fretta: abbiamo troppe cose da pensare e fare; il desiderio di essere accettati dal nostro gruppo o ideologia di riferimento: siamo comunque animali sociali; ma soprattutto la paura. Paura del diverso, del nuovo che mi obbliga a fare la fatica di conoscere e analizzare; e ancora la generalizzazione: quello è così perchè è marocchino o italiano. Se solo ci potessimo fermare un attimo e riflettere, ci accorgeremmo della stupidità di alcuni luoghi comuni.
Io personalmente cerco di esorcizzare i pregiudizi, semplicemente ridendoci sopra. Credo che ridendo si possano dare spallate a questi pregiudizi atavici che piano piano svaniscono. Rido quando, da non vedente, sono accompagnato e le persone si rivolgono al mio accompagnatore nonostante sia io che ho posto una domanda. Ancora rido quando per parlarmi alzano la voce, come se oltre a non vedere fossi anche sordo: ci mancherebbe pure questo. Non sempre il sorriso viene spontaneo perchè una vittima del pregiudizio si sente discriminato, però la risata sdrammatizza, scioglie l’imbarazzo e tra l’altro fa anche bene.

LETTORE INNOVATIVO BRAILLE E, SOPRATTUTTO, LOW COST.

Lettore Braille innovativo e low-cost: il progetto della dottoranda Gemma Bettelani

 

PISA. La dottoranda Gemma Carolina Bettelani, 26 anni, di Sarzana, è tra i quattro vincitori del programma internazionale “Innovation in Haptics Research”, che prevede un finanziamento a studenti di dottorato che propongono progetti innovativi nel campo dell’aptica, la scienza che studia il senso del tatto. Il progetto selezionato tra i vincitori si chiama READABLE (Reliable ElectromAgnetic DynAmic BrailLE), e prevede la realizzazione di un dispositivo Braille dinamico e portatile per permettere la lettura ai non vedenti. Dottoranda al dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa, Gemma Carolina Bettelani svolge il suo lavoro al Centro di Ricerca dell’Università di Pisa “E. Piaggio”, che da anni vanta un gruppo di ricerca all’avanguardia sullo studio e la riproduzione del senso del tatto in dispositivi artificiali e nella realtà virtuale.

“Nel mondo ci sono 285 milioni di persone ipovedenti, di cui 39 milioni non vedenti – afferma Gemma Bettelani – La qualità della loro vita dipende anche dall’avere accesso a contenuti testuali e grafici usando altri sensi, per esempio l’udito e il tatto. I dispositivi Braille meccanici fino ad ora prodotti spesso non hanno più di una riga, a causa degli alti costi di produzione. Sono dispositivi in grado di cambiare dinamicamente le lettere, ma non riescono a convogliare molta informazione per volta. Il mio progetto ambisce a superare queste limitazioni, creando una tavoletta a più righe, semplice e low cost, in cui i caratteri braille vengono attuati da un magnete che li fa andare su e giù ricevendo corrente. In questo modo è possibile cambiare le lettere braille in modo dinamico, e potenzialmente leggere su una sola tavoletta interi libri”.

Il dispositivo READABLE, attualmente allo stato di progetto, sarà stampato con stampante 3D, in modo da abbattere ulteriormente i costi e rendere possibile alle persone non vedenti o ipovedenti una modalità di accesso ai testi diversa da quella puramente uditiva, ad ora la più accessibile ed economica, a causa della complessità e dei costi dei dispositivi braille.

“È stato dimostrato – continua Gemma Bettelani – che una modalità attiva di accesso al testo, basata sull’esplorazione tattile anziché sull’ascolto passivo, permette una migliore comprensione dell’informazione. Il dispositivo può anche essere usato in diversi esperimenti, per capire come anche le persone vedenti usano il senso del tatto e quali informazioni riescono a percepire con le mani rispetto ai non vedenti. Un campo di ricerca fondamentale per progettare per esempio dispositivi per agire nella realtà virtuale, ad esempio nella chirurgia a distanza o nell’intrattenimento”.

Il programma “Innovation in haptics research” è finanziato dal Technical Committee on Haptics della Robotics and Automation Society, e prevede il conferimento di un budget fino a 10.000 dollari a studenti di dottorato e post doc, per sviluppare progetti innovativi legati allo sviluppo di interfacce aptiche uomo-macchina, algoritmi di controllo per la riproduzione di sensazioni tattili in realtà virtuale, studio del tatto umano.