Ebooks dove reperirli e perchè.r

la mano che sfoglia l'ebook. Accanto al libro cartaceo che speriamo non tramonti mai, la tecnologia ci fornisce altri strumenti che possono surrogare i libri e fornire una chiave di accesso a coloro che dal cartaceo erano esclusi: penso ad esempio ai non vedenti che, ne ho già parlato, non potevano accedere alla stragrande maggioranza … Continua a leggere Ebooks dove reperirli e perchè.r

Annunci
In evidenza

Ho passato la notte con l’amica geniale.

E così questa notte ho fatto le 2 per concludere il primo libro della Ferrante "l'amica geniale", con la conseguenza logica che ho trascorso le ore successive in bianco. Il giorno seguente solitamente è un dramma: sbadigli continui, un caffè in più, fatica estenuante per restare attenti al lavoro; ma chi me lo ha fatto … Continua a leggere Ho passato la notte con l’amica geniale.

Leggere è una questione di performance?

La velocità, sempre la velocità: l’efficienza. La lettura è un vero piacere e quindi, come spiega questo articolo, dipende: ogni lettura ha un suo ritmo e non serve forzarlo.

GRUPPO DI LETTURA

Scopenauer

Settimana scorsa in redazione è arrivata una proposta sui corsi di lettura veloce. Sono ormai molte le università che offrono iniziative di questo tipo. Perciò mi sono chiesta: ma leggere è (o può diventare) una questione prestazionale? Dagli ultimi studi di neuroscienze, sappiamo che la pessima abitudine di stare continuamente attaccati ai device digitali (e la prima sono io) crea una frammentazione dell’attenzione che incide, ahimè sicuramente, anche sulla concentrazione e sulla nostra voglia/capacità di fermarci con un libro in mano. E questa è la premessa. Possiamo anche affermare che la velocità di lettura è un’abilità che si stratifica, un training della mente. Più lo si fa, più si procede spediti, questo è certo.

Tuttavia, la prima risposta che mi viene in mente è: dipende. Dipende da cosa si sta leggendo. E allora qui si può parlare di ritmo, respiro, distanza. La saggistica (io credo) è…

View original post 374 altre parole

In evidenza

È arrivato Perlego: lo spotify del libri universitari.

Ci guadagnano gli editori. Ci guadagnano gli studenti. Mette tutti d’accordo Perlego, la nuova applicazione che dispone online, in formato ebook, un gran numero di libri universitari. Nell'epoca in cui tutto va in streaming e on-demand, dalla musica ai film passando per le riviste, anche i libri universitari non sfuggono al vento dell'innovazione e delle … Continua a leggere È arrivato Perlego: lo spotify del libri universitari.

In evidenza

“La fine è il mio inizio”: pensieri liberi fuori dalla recensione.

Ho riletto con avidità il libro di Tiziano Terzani (la fine è il mio inizio) nell'edizione Audible con vari lettori che lo hanno reso ancora più coinvolgente. Ammiro ogni cosa di Tiziano Terzani, tra le pieghe dei suoi libri, possiamo reperire perle preziose e autentiche. In poco tempo ho letto 3 dei suoi libri. Rileggere … Continua a leggere “La fine è il mio inizio”: pensieri liberi fuori dalla recensione.

Leggere fa davvero bene?

In evidenza

Sei curioso?

23082011

Sì, ed è dimostrato. Ne parla Maryanne Wolf, neurologa statunitense, autrice di Proust e il calamaro. Storia e scienza del cervello che legge (Vita e Pensiero). Secondo la studiosa la lettura che fa meglio al cervello è di gran lunga quella dei romanzi, più complessa e che quindi tiene attivo il maggior numero di aree cerebrali. In questo tipo di letture il lettore è portato a produrre inferenze e ipotesi a partire da ciò che legge, a immaginarsi situazioni e scene e a integrare le conoscenze che acquisisce con quelle che già possiede. In particolare questo è valido per il lettore adulto, che a differenza dei bambini che hanno imparato a leggere da poco dedica poco tempo, durante la lettura, a decifrare le lettere e molto di più a elaborare interpretazioni di ciò che legge, lasciandosi il tempo di provare emozioni connesse alla storia narrata.

Leggere, quasi una…

View original post 121 altre parole

In evidenza

Più di 20 audiolibri disponibili da febbraio.

Gli aludiolibri si stanno affermando anche attraverso nuove piattaforme e case editrici che investono su questa nuova possibilità. Per le piattaforme, accanto ad Audible si sta mettendo in mostra storytel. Nato in Svezia nel 2005 e presente in Italia da luglio 2018, vanta un totale che supera gli 80000 audiolibri nelle lingue principali. E' una … Continua a leggere Più di 20 audiolibri disponibili da febbraio.

In evidenza

Non di sola carta: esperienze di un lettore per passione.

Immagine libro braille. mani che leggono con l'optacon. Per coltivare le proprie passioni si compiono sacrifici decisamente irrazionali: ho speso cifre iperboliche per i pc, per gli scanner che mi permettevano di leggere quando gli ebook erano una promessa, ho passato notti insonni intorno ai pc, alla musica da ascoltare e suonare. Io poi sono … Continua a leggere Non di sola carta: esperienze di un lettore per passione.

Cosa succederà ai libri? Dialogo sul passato e il presente della lettura

SfogliaLibri

Ritorno a bomba con un nuovo episodio de La Riserva Letteraria. Eh sì, ho cambiato nome al podcast. Lo spiego bene al microfono. A parte questo, ho selezionato due articoli che parlano di libri. Nello specifico del futuro e del passato dei libri.

Il primo articolo si intitola Libri e qualità. Come al club, apparso sul Corriere della Sera il 21 gennaio. La firma è di Roberto Calasso, scrittore, editore e saggista nato nel 1941. È presidente della casa editrice Adelphi.

Il secondo invece ha per titolo Cresciuti a pane e Bur di Stefano Bartezzaghi, pubblicato il 20 gennaio nell’inserto culturale Robinson.

Questa volta la mia voce è meno laconica e più squillante – ho registrato di giorno. Tuttavia mi preme ricordare che il podcast ha un formato da conversazione: ci sono un po’ di pause e imprecisioni. Nulla di grave. Raggiungerò la perfezione tecnica…

View original post 49 altre parole