TEST DI ORCAM MYEYE: TELECAMERA PER LEGGERE TESTI, RICONOSCERE VOLTI ED ALTRO.

Pubblico con piacere un test completo su ORCAM MYEYE: un apparato da inserire sugli occhiali per riconoscere testi, banconote, volti delle persone ed altro.

di Nunziante Esposito: coordinatore della commissione nazionale ausili e tecnologie della Unione Italiana dei Ciechi e Ipovedenti.

test pratico di utilizzo. Agosto – Ottobre 2018.

Durante i tre mesi di utilizzo pratico in oggetto ho avuto la possibilità di utilizzare questo dispositivo che consente di leggere, riconoscere volti e oggetti attraverso una telecamera, provandolo praticamente in tutte le condizioni che si può utilizzare e per tutte le cose che faccio tutti i giorni.

<Anche se questo dispositivo è molto piùutile ad un Ipovedente, ho avuto modo di apprezzarlo anche da cieco assoluto.Infatti, questo ausilio, che in precedenza era composto da due componenti, una unità centrale di una grandezza poco più grande di un pacchetto di sigarette collegata con un cavetto ad un supporto sul quale erano montati una telecamera ed un altoparlante in miniatura, ora si compone del solo supporto che oltre a contenere come prima una telecamera ed un altoparlante in miniatura, al suo interno contiene anche tutta l’elettronica di gestione miniaturizzata.

Il piccolo supporto di una decina di centimetri,costituisce praticamente tutto l’ausilio e viene agganciato alla stecca di un paio di occhiali comuni tramite un supporto magnetico.

Praticamente, all’ausilio è fissato un piccolo magnete con il polo positivo, mentre alla stecca degli occhiali, a destra o a sinistra e a propria scelta, viene fissato un altro magnete con polo negativo.

Per tutte le indicazioni di montaggio e di utilizzo, fare riferimento alla guida in italiano molto accurata che viene fornita assieme a questo ausilio.

L’aggancio dell’ausilio agli occhiali è di una semplicità unica, proprio perché, non appena si avvicina l’ausilio alla stecca degli occhiali, si posiziona immediatamente e correttamente, proprio per l’attrazione generata dai due magneti di polarità opposta.

OrCam MyEye dalla parte piatta lato stecca degli occhiali, dove è presente il magnete di aggancio, presenta un piccolo pulsante che consente di accendere o mettere in pausa l’ausilio, ed un led di segnalazione.

Dal lato opposto, abbiamo un piccolo schermo touch con il quale si possono dare i comandi per le varie funzioni.

L’ausilio, tramite il suo laccetto,  può essere portato comodamente al collo, e, all’occorrenza,lo si aggancia al suo supporto sugli occhiali per utilizzarlo.

Il dispositivo ha un caricatore della batteria interna con una presa micro USB che è posizionata lato altoparlante, lato oppostoalla telecamera. La presa micro USB è delicata e si deve fare attenzione quando si mette il dispositivo sotto carica. Inoltre, nelle spiegazioni è raccomandato,per caricare la batteria, di utilizzare solo il caricatore originale.

La batteria, ovviamente,  ha una durata che dipende molto dall’uso che se ne fa del dispositivo. Per me è stata sufficiente durante i test eseguiti,ma mi metto anche nei panni di chi, magari Ipovedente, la deve usare tutta lagiornata e non so se riesce ad avere l’ausilio efficiente per il tempo che gli necessita.

Forse si potrebbe usare anche una batteria supplementare. Insomma, se il caricatore fosse composto dal trasformatore e da  un cavetto micro USB per ricaricare la batteria interna, al momento che si scarica la batteria e si è in mobilità, si potrebbe collegare il cavetto ad una Power Bank di quelle che già usiamo per gli smartphone.Poiché viene raccomandato di usare solo il caricatore originale,  mi induce a pensare che non è possibile una tale soluzione. Spero che gli ingegneri sviluppatori consentiranno in futuroquesta possibilità.

Una volta acceso il dispositivo, è necessario attendereun po’ di tempo per avere la reale disponibilità dell’ausilio. Infatti, una volta che il dispositivo è pronto all’uso, la sintesi vocale ce ne da informazione e lo si può fissare agli occhiali, pronto per poter essere usato.

Se non lo si usa per tre minuti, il dispositivo si mette in pausa automaticamente, per risparmiare la batteria, ma se lo stacchiamo dagli occhiali per tenerlo appeso al collo, quando viene staccato dal supporto magnetico si fa in fretta a premere il pulsante permetterlo in sospensione. Se il dispositivo rimane in sospensione per tre ore,si spegne in automatico. Per ripristinarlo dalla sospensione, occorre poco più di due secondi, quindi, si può dire che il ripristino è immediato.

Da tener presente che per ogni azione che si esegue, riceviamo in voce dei messaggi esplicativi che ci mettono in condizione di sapere sempre quello che stiamo facendo.

Or Cam prevede di utilizzare le seguenti funzioni:

– Riconoscimento testo. (OCR).

– Riconoscimento volti, previo addestramento.

– Riconoscimento oggetti, previo addestramento.

– Riconoscimento banconote in Euro.

– Riconoscimento altre banconote, previo addestramento.

– Lettura data ed ora.

– Riconoscimento colori.

– Riconoscimento codici a barre, ma è supportato solo per certi prodotti in Paesi specifici.

Vediamo l’utilizzo della funzione letturatesti.

Quando la luce è sufficiente, la lettura, sia se si indica con un dito il testo da leggere e poi si toglie il dito dal campo di inquadratura della telecamera, sia se si guarda verso il testo e si tocca lo schermo touch per fare una foto, quasi immediatamente il dispositivo ci ritorna in voce il testo riconosciuto con molta precisione.

Al di la di tutte le volte che l’ho provato,leggendo il menu al ristorante, i manifesti attaccati ai muri che mi facevo indicare, biglietti o brochure che spesso ti consegnano al volo i ragazzi che fanno volantinaggio, qualche targa di qualche ufficio, eccetera, proprio per poterne provare tutte le peculiarità anche per questa versione, devo dire che questo dispositivo, nonostante la miniaturizzazione,  ha mantenuto una precisione di riconoscimento e di lettura impressionanti, peculiarità già apprezzata con la versione precedente.

La funzione che ho apprezzato di più mentre si legge una pagina di testo riconosciuta, aggiunta in questa nuova versione,  è quella di poter scorrere il testo sia avanti, sia indietro. Infatti, scorrendo un dito sullo schermo touch dalla telecamera all’altoparlante, , si salta al testo precedente. scorrendo il dito in senso opposto, si salta in avanti nel testo che si sta leggendo. Praticamente si può navigare il testo riconosciuto.

Il doppio tocco sullo schermo touch permettere in pausa la lettura e per riavviarla, è un comando che mancava nella versione precedente e che è molto importante. Praticamente, consente di fermare la lettura se si hanno problemi di ascolto per poterla riprendere senza dover riconoscere di nuovo il testo.

Anche il gesto per interrompere la lettura è molto pratico, perché è molto semplice alzare una mano davanti alla telecamera mostrando ad essa il dorso con le dita in alto, come se si indicasse ad una persona di fermarsi.

Anche la lettura automatica implementata inquesta versione dell’ausilio è importante per chi deve leggere continuamente del testo. Infatti, se si attiva questa funzione da menu, ci basta guardare verso un testo per qualche secondo e ci verrà letto in automatico.Personalmente, questa modalità di lettura non la preferisco, perché è molto semplice leggere indicando il testo con un dito o toccando lo schermo touch per fare una foto al testo da riconoscere.

Gli altri gesti per avere delle risposte,invece,  sono stati implementati in modo naturale con dei movimenti delle mani che, per una persona che ha visto o per un ipovedente sono quelli di uso comune, mentre per un cieco assoluto è molto semplice apprenderli. Vediamo quali sono:

Sono importanti e utili, nonché semplici,  i gesti per farsi dire l’ora e la data, ottenuti mostrando il dorso della mano con il pugno chiuso alla telecamera come se volessimo leggere l’ora sull’orologio al polso. Se si fa il gesto per qualche secondo, ci viene letta l’ora, se si protrae per qualche secondo in più, ci viene detta anche la data.

Con la stessa azione di indicare con un dito quello che si ha necessità di farsi riconoscere, si possono indicare le banconote in Euro e gli oggetti riconosciuti per farseli dire in voce. Quindi,con un’azione semplicissima si fa in fretta ad avere le indicazioni che servono.

La funzionalità per il riconoscimento volti.

Questa funzionalità è stata migliorata sotto tutti i punti di vista. Infatti, si può facilmente riconoscere un volto anche da cieco assoluto. Se si sta parlando  con una persona, guidati dalla sua voce si può facilmente inquadrare il suo volto guardando nella direzione della sua voce e,  tenendo un dito appoggiato e fermo sullo schermo touch del dispositivo, vengono effettuate una serie di foto. Mentre la persona parla, ho provato a spostarmi un poco a destra e un poco a sinistra,sempre fissando la persona che parlava, e dopo i 30 secondi che servono a memorizzare un volto, sono riuscito a memorizzarlo senza problemi e senza dover chiedere alla persona di spostare la testa a destra e a sinistra.

La funzione di salvataggio di un volto riconosciuto è stata migliorata. Il procedimento di memorizzazione ora è molto più semplice, così come anche l’indicazione di un volto dopo averlo riconosciuto in precedenza.

Riconoscimento oggetti.

Per tutti gli oggetti e gli alimenti, per quelli disponibili nel database e per certi paesi, viene riconosciuto direttamente il codice a barre, operazione che per un cieco assoluto è difficile da eseguire.

Però, il riconoscimento degli oggetti è statoanch’esso semplificato. Infatti, basta avere in mano l’oggetto, guardare verso di esso e su un lato, toccare lo schermo touch per alcuni secondi e fino al segnale acustico e si avvia il riconoscimento. Successivamente e guidati dai segnali e dai messaggi, procedere con il riconoscimento che si effettua come anche con la precedente versione di OrCam.

Per ogni lato dell’oggetto,  si indica con un dito e poi, togliendo il dito dal campo visivo della telecamera, il dispositivo scatta delle foto.

Alla fine basta confermare con il nome dell’oggetto.

Per gli oggetti che si vogliono riconoscere,la funzionalità è stata semplificata moltissimo. Infatti, la si effettua  poggiando un dito sullo schermo touch ed inquadrando l’oggetto che si ha in mano per alcuni secondi, fino ad ottenere il segnale acustico di avvio riconoscimento. Con questa versione di OrCam, avendo previstoil riconoscimento su 4 lati, si ottiene un risultato molto più accurato, con la certezza che difficilmente viene commesso un errore quando si inquadra l’oggetto per riconoscerlo.

E’ molto importante leggere attentamente ilmanuale prima di usare questo ausilio, come si dovrebbe fare per qualsiasi device che si acquista, ma consiglio di iniziare poco per volta ed imparando una funzione alla volta, passando alla successiva solo dopo che la si è appresa in maniera completa. Non è difficile, perché il manuale è stato scritto in maniera molto meticolosa, con una chiarezza da spiazzare chiunque  e per qualsiasi funzionalità di questo ausilio.

Avendo usato questo ausilio in casa ed in mobilità, l’ho apprezzato in tantissime situazioni, anche se in certi casi è stato necessario farmi indicare la posizione di quello che desideravo leggere.

Al di la del riconoscimento testo su carta,nelle varie occasioni e soprattutto per i menu al ristorante, la funzionalità che mi ha strabiliato di più è la possibilità di leggere il testo sullo schermo del computer. Infatti, restando spesso da solo a casa, quando si blocca lo screen-reader, disavventura che ti mette in crisi profonda e fino ad aspettare un occhio in prestito, se non si vuole riavviare forzatamente la macchina, con questo ausilio ho potuto leggere cosa c’era a schermo e, comprendendo quello che era accaduto,  ho potuto ripristinare la funzionalità dello screen-reader da solo.

Avendo avuto la fortuna ed il piacere di poter testare entrambe le versioni di OrCam, devo dire che mi ha fatto molto piacereconstatare che, con le ridotte dimensioni di questo ausilio, è molto comodo utilizzarlo anche in mobilità. Ricordo che la mia prima osservazione che feci al dott.  LEON PAULL quando mi fece provare la versioneprecedente nella sede UICI a Roma, fu quella del computer da allacciare alla cinta ed il cavo di collegamento tra computer e supporto telecamera.

Al di la delle migliorie di grandezza e deicomandi implementati che rendono l’ausilio molto pratico da utilizzare anche in mobilità, ho da fare delle osservazioni che spero saranno ascoltate ed implementate per la prossima versione di questo importante ausilio per la nostra autonomia personale.

L’utilizzo di questo ausilio, per persone poco pratiche di tecnologie, non è semplice per le impostazioni e per l’aggiornamento.Anche se sono cose che non si eseguono spesso, sarebbe meglio se fossero alla portata di tutti, anche per chi non utilizza correntemente le nuove tecnologie.Ecco le osservazioni.

Per un disabile visivo è molto difficoltoso collegare il dispositivo alla rete Wi-Fi con la modalità prevista. Con imoderni router che consentono di collegare alla rete i dispositivi con la pressione di un pulsante apposito sull’involucro del router, spero si possa agevolare questa connessione facendola avvenire automaticamente e senza riconoscere un QRCode che è molto difficoltoso intercettare. Avendo la possibilità di usare comandi con il pulsante fisico abbinato allo schermo touch, non è difficile creare dei comandi appositi per far avvenire una connessione al router e al sito per gli aggiornamenti.

Anche l’apertura del menu per le impostazioniè difficoltoso nella modalità attuale. Sarebbe molto meglio se si consentisse di aprirlo con un comando fisico, sempre creato tramite il pulsante e lo schermo touch.

Conclusioni.

Nonostante abbiamo tantissime app suglismartphone che ci eseguono le azioni di riconoscimento che questo ausilio unisce in un solo device, sicuramente siamo tutti frenati dal prezzo di vendita che costringe a pensarci qualche volta in più prima di fare l’acquisto. Però, aver avuto a disposizione questo ausilio per tre mesi, nonostante sono cieco assoluto, una tale esperienza mi induce a farci un pensiero per il futuro.

Spero che le indicazioni e le osservazioni  fornite in questa relazione, scritte cercandodi essere quanto più chiaro e preciso possibile, servono a tutti coloro che leggono per valutare meglio questo importante ausilio per i disabili visivi, migliorato tantissimo sia sotto l’aspetto fisico, sia nelle funzionalità aggiunte.

Per un ausilio così importante per gliIpovedenti e un po’ meno anche per i ciechi, normalmente dovrebbe essere supportato dallo stato attraverso il nomenclatore tariffario, totalmente o parzialmente,per dare la possibilità a tutti di poterlo utilizzare, proprio per l’autonomia che consente di avere. Come associazione, voglio sperare che si possa fare qualche azione importante per cercare di avere qualche agevolazione in tal senso.

Nunziante Esposito

Qui il link utile per saperne di più e vedere le immagine relative a orcam myeye. https://www.orcam.com/it/myeye2/

Coordinatore Commissione Nazionale Ausili e Tecnologie

Annunci

IL VALORE DEL SILENZIO NELLA COMUNICAZIONE.

In un articolo precedente avevo analizzato la potenza delle parole, nel bene e nel male: (le parole sono chiodi), tanto per autocitarmi.
Qui mi piace parlare del silenzio nella comunicazione, della necessità del silenzio, del suo potere. La musica è fatta di note ma anche di pause. Il vero oratore che utilizza le parole in modo fluente,è colui che sa arricchire il suo eloquio con pause che dosa saggiamente per dare enfasi, per catturaremahgiore attenzione. I discorsi più significativi sono preparati da lunghi silenzi che ci servono a riordinare il groviglio dei nostri pensieri. Il silenzio, quando non è un muro di gomma e diventa allora negativo, consente di recuperare serenità nei confronti troppo serrati. Se io sono ahgressivo e l’interlocutore sta in silenzio, io sono costretto a fermarmi per capire questa reazione. Il silenzio poi, è fortemente legato all’ascolto: è ovvio, più facciamo silenzio e più ci predisponiamo all’ascolto, e sappiamo quanto questa pratica sia importante e disattesa dai più. Si ledge e si scrive in silenzio, si Prega in silenzio anche se non sempre, le cose più buone le mangiamo in silenzio, si pensa, quando lo facciamo, in silenzio, si dorme anche in silenzio. Quante frasi e proverbi di saggezza popolare magnificano il silenzio/
(Un bel tacer non fu mai scritto), (la parola è d’argento, il silenzio d’oro).
Ma dunque dovremmo tacere più spesso? si certo, sarebbe davvero meglio.

AMORE LIQUIDO…. CERCHIAMO DI CAPIRE

Da parecchio avevo questo libro nella mia biblioteca elettronica ma, intuitane l’estrema complessità, lo evitavo, fino ad ora. In effetti Bauman è davvero impegnativo, questo libro è privo di una trama vera e propria: lo si può leggere da un certo punto o fino ad un certo punto. La fatica è ricompensata dalla possibilità di comprendere meglio la nostra situazione di uomini in questa società.

Il vero “eroe” è l’uomo senza legami: famiglia distrutta, allargata, ricomposta, lavoro precario o intermittente, ideologie che illudono e poi deludono.

Il tema principale della riflessione di Bauman è dunque

«la relazione umana e la sua sorte” in un’età in cui «gli uomini e donne disperati perché abbandonati a se stessi”, che si sentono degli oggetti a perdere, che anelano la sicurezza dell’aggregazione e una mano su cui poter contare nel momento del bisogno, e quindi ansiosi di “instaurare relazioni, sono al contempo timorosi di restare impigliati in relazioni “stabili”, per non dire definitive, poiché paventano che tale relazione possa comportare oneri e tensioni che non vogliono né pensano di poter sopportare e che dunque possa fortemente limitare la loro tanto agognata libertà di … si, avete indovinato, di instaurare sempre nuove relazioni.

La relazione è dunque il terreno contemporaneo della più grande ambivalenza: deve essere leggera e flessibile per potersi rompere facilmente e dare la possibilità all’individuo contemporaneo di ricostituirsi, ritessersi, mantenendo intatta tutta la potenzialità relazionale di ognuno. In questo modo, ognuno è molto più solo che in passato, ma libero molto più che in passato di tentare forme e sistemi per uscire da questa solitudine; Questo lavorio genera inevitabilmente frustrazione e angoscia.

Oggi l’attenzione dell’uomo contemporaneo tende a concentrarsi sulle soddisfazioni che le relazioni si spera arrechino, proprio perché per qualche ragione esse sono frustranti (sono fragili e deludono le aspettative di eternità) o sono temute (perché si scopre che quando soddisfano pienamente, il prezzo da pagare per questo appagamento è eccessivo in termini di perdita di libertà, cioè di quel potenziale che si congela ogni volta che inizia una relazione).

Da qui il forte interesse nel boom di consulenze che si occupano di curare i legami (counseling, terapia familiare), agenzie matrimoniali, rubriche rosa o per cuori solitari ecc. Secondo l’autore tutte queste consulenze hanno lo scopo di aiutare i singoli a quadrare il cerchio», cioè a riuscire nel compito impossibile di costringere la relazione a dare senza prendere, a offrire senza chiedere, ad appagare senza opprimere.

Che cos’è l’amore? Si chiede allora Bauman. Si tratta di un’esperienza che si può apprendere, un sapere che si può imparare? O forse si tratta di un’esperienza irripetibile e dunque impossibile da imparare? Piuttosto che una domanda su che cos’è l’amore, dunque, bisogna chiedersi a quale dinamica risponde il bisogno di amare nel tempo presente. la soddisfazione, nell’amore individuale, non può essere raggiunta senza la capacità di amare il prossimo con umiltà, fede, coraggio», ma in una cultura in cui queste qualità sono rare, l’acquisizione della capacità di amare è condannata a restare un successo difficile e aleatorio. Perciò, osserva Bauman, «in una cultura consumistica come la nostra, che predilige prodotti pronti per l’uso, soluzioni rapide, soddisfazione immediata, risultati senza troppa fatica, ricette infallibili, assicurazione contro tutti i rischi e garanzie del tipo “soddisfatto o rimborsato”, quella di imparare ad amare è la promessa (falsa, ingannevole, ma che si spera ardentemente essere vera) di rendere l’esperienza dell’amore simile ad altre merci, che attira e seduce sbandierando tutte queste qualità e promettendo soddisfazioni immediate e risultati senza sforzi»

Ma l’eros, come ha notato Emmanuel Levinas, è diverso dal possesso e dal potere,

«è una relazione con l’alterità, con il mistero, vale a dire con il futuro, con ciò che è assente dal mondo che contiene ogni cosa che c’è […]», «il pathos dell’amore consiste nell’insormontabile dualità degli esseri». I tentativi di superare tale dualità, sono destinati a fallire.

Il libro affronta altre tematiche interessanti ma davvero complesse: la sessualità, il desiderio, la voglia, la scelta che finisce per essere un privarsi di possibilità non scelte.

Ma, si continua ad investire negli affetti in cerca di sicurezza, di consolazione anche se è errato considerarlo un Investimento. Davvero è un libro difficile da leggere da cima a fondo; Però, ne vale la pena. Sarò costretto a dedicarmi a qualche libro più abbordabile per un po’ di tempo!

SE SEMBRA IMPOSSIBILE, ALLORA SI PUÒ FARE.

le sfide piccole e grandi, mi hanno sempre affascinato; sono state il viatico della mia vita, la molla che mi ha lanciato nel superamento degli ostacoli.

mi ha catturato il titolo di questo libro di beatrice vio, la famosa schermitrice paraolimpica, “se sembra impossibile allora si può’ fare”. mi sono sentito personalmente coinvolto: stesso approccio alla vita, stessa volontà’ di non arrendersi affrontando le difficoltà’ con il sorriso.

magari non diventerà’ una scrittrice, pero’ la lettura risulta scorrevole e finisce per diventare un libro motivazionale, di stimolo per tutti quelli che, pur avendo tutto, si deprimono, si piangono addosso e buttano via le energie migliori lamentandosi.

Ho letto-ascoltato il libro da audible, una piattaforma di libri letti da lettori professionisti che aggiungono valore all’opera stessa. Ho inserito qualche scampolo nel video che ho fatto per youtube.

https://youtu.be/PrIPl3-JfJI

IL DECALOGO DEL BUON LETTORE: 10 BUONI MOTIVI PER LEGGERE.

Il decalogo del buon lettore: 10 validi motivi per farlo.

1 – per diventare scrittori bisogna fare scorpacciate di libri;
2 – leggere è un cibo per la mente e per questo motivo deve essere buono;
3 – leggere trasforma la realtà: se sei sul metrò di primo mattino e ti aspetta una grigia giornata di lavoro e fuori piove, puoi sentire l’odore del mare solo con la magia della lettura;
4 – un libro ti aiuta a stare con i piedi per terra: può sembrare una contraddizione ma non lo è. Chi è depresso non legge e perde il contatto con la realtà. Entrare nelle storie degli altri è un esercizio semplice che ci aiuta a sentirci più leggeri;
5 – Ti impedisce di sbattere la testa contro il muro per lo stress: lo prova uno studio condotto da David Lewis neuropsicologo dell’università del Sussex. Ha dimostrato che bastano 6 minuti di lettura per abbassare lo stress del 68 per cento;
6 – Leggere è il segreto di chi ha successo: .questa condizione personalmente non mi affascina e non è detto che basta il successo per essere migliori;
7 – La lettura è il metodo migliore per non rimbambirsi davanti alla televisione: perchè, diciamocelo, tra un buon libro e una telenovela, la scelta non si pone;
8 – Ci evita cattive figure: arricchisce il vocabolario, sfrucullia le nostre sinapsi e insegna il corretto uso dei verbi: perchè se io non avrei letto pile di libri ””’
9 – cancella il piattume e ci permette di sperimentare i sentimenti e le emozioni dei personaggi dei libri che stiamo leggendo rinverdendo vecchi e nuovi fremiti;
10 – è una coccola per la mente. Quando leggiamo ci prendiamo il tempo per noi, è un momento solo nostro, scegliamo di regalarci altri spicchi di vita e emozioni.

https://youtu.be/8LR0wVSS1f4