Più di 20 audiolibri disponibili da febbraio.

Gli aludiolibri si stanno affermando anche attraverso nuove piattaforme e case editrici che investono su questa nuova possibilità. Per le piattaforme, accanto ad Audible si sta mettendo in mostra storytel. Nato in Svezia nel 2005 e presente in Italia da luglio 2018, vanta un totale che supera gli 80000 audiolibri nelle lingue principali. E' una sorta di netflix degli audiolibri che possono essere ascoltati attraverso le app sia su iphone che su android on line ma anche scaricati per un ascolto senza collegamento ad internet. Per apprezzare l'evoluzione, Riporto un articolo tratto da Il Post.it del 02-02-2019

Piu’ di 20 nuovi libri da ascoltare a febbraio

“Il nome della rosa” e l’ultimo romanzo di Paolo Giordano su Storytel; le “Storie della buonanotte per bambine ribelli” e una serie comica italiana su Audible, tra le altre cose
A febbraio arriverà su Storytel un altro audiolibro della scrittrice Naomi Alderman.

Se sei una donna tra i 30 e i 35 anni e possiedi un iPhone è anche possibile che tra le 7 e le 9 e tra le 17 e le 20 ti capiti di ascoltare un audiolibro: di sicuro rientri nella categoria di persone che ne ascolta di più con Storytel, la piattaforma di streaming di contenuti audio svedese da luglio anche in Italia. Per te e per le altre come te, ma anche per chi ascolta audiolibri incurante delle categorie statistiche, anche questo mese abbiamo messo insieme le novità più interessanti su Storytel e Audible.

Se non hai ancora un abbonamento a Storytel ma vorresti provare com’è, iscrivendoti alla prova gratuita da questo link puoi usarlo gratis per 30 giorni invece che 14. Chi invece è curioso di ascoltare un audiolibro, ma non vuole sottoscrivere l’ennesimo abbonamento, può ascoltarne qualcuno dall’archivio del programma di Radio Tre Ad Alta Voce, oppure ascoltare l’opera che sta trasmettendo in questo periodo: il romanzo di Klaus Mann Mephisto, letto da Elio De Capitani – parla di un attore talentuoso e senza scrupoli nella Germania di Hitler.

Martedì 5 febbraio.
Su Storytel arriverà un audiolibro interessante per chi ama molto i miti greci e apprezza le loro reinterpretazioni contemporanee: Cassandra di Christa Wolf. Come si intuisce dal titolo, parla della sacerdotessa troiana capace di prevedere il futuro ma affetta da una maledizione per cui non veniva mai creduta. Il romanzo è ambientato alla fine della guerra di Troia, mentre Cassandra aspetta di essere uccisa dai greci e ricorda la sua vita e quella delle altre donne troiane. Come in altri romanzi di Wolf, si parla di liberazione femminile e pacifismo.

Mercoledì 6 febbraio.
Per gli amanti dei gialli, uscirà la versione audiolibro di Sara al tramonto di Maurizio De Giovanni che nel 2018 è stato in cima alle classifiche dei libri più venduti per settimane. La protagonista è una poliziotta in pensione con un’abilità notevole nel saper leggere le labbra delle persone.

Giovedì 7 febbraio.
Per chi invece ha fatto un abbonamento a Storytel per far ascoltare qualcosa ai propri figli, dal 7 febbraio saranno disponibili le versioni audio di Alla ricerca di Nemo e Rapunzel; il 14 febbraio si aggiungeranno invece le versioni Disney di Alice nel paese delle meraviglie e Peter Pan; il 21 Cars 3 e La sirenetta. Per quelli a cui invece piacciono i libri di De Giovanni, ma hanno già letto Sara al tramonto, arriverà Pane, letto da Peppe Servillo: è uno dei romanzi della serie dei “bastardi” di Pizzofalcone.

Venerdì 8 febbraio.
Sempre su Storytel arriverà la versione da ascoltare di Ragazze elettriche di Naomi Alderman, uno dei romanzi di cui si è parlato di più nel 2017, almeno nel mondo dell’editoria anglosassone. È un romanzo distopico ambientato nel presente e in un futuro prossimo in cui l’autrice immagina che tutte le donne del mondo assumano il potere di dare la scossa con una ghiandola del proprio corpo: grazie a questa nuova capacità si invertono i rapporti di forza tra i generi e il mondo cambia completamente, con grossi problemi e atti di violenza. Di Alderman su Storytel è già disponibile Disobbedienza, che invece parla di una donna che, come la stessa autrice, ha abbandonato lo stile di vita della sua famiglia di provenienza, che fa parte della comunità ebrea ortodossa di Londra.

Sabato 9 febbraio.
Su Audible si trovano in esclusiva gli audiolibri dei romanzi di Isabel Allende, la scrittrice cilena autrice di La casa degli spiriti: dal 9 febbraio, a quelli che ci sono già si aggiungerà Afrodita, in cui sono alternate ricette e racconti.

Lunedì 11 febbraio.
Per gli amanti delle biografie su Storytel se ne potranno ascoltare due nuove: una della scrittrice Sylvia Plath, scritta dalla giornalista culturale Leonetta Bentivoglio, e quella di Natalia Ginzburg che era tra i candidati dell’ultimo premio Strega. Si intitola La corsara ed è di Sandra Petrignani.
Su Audible invece la prima puntata di Comedy LIVE, una serie audio di serate di stand up comedy che si terranno al circo Arci di Roma Monk. Ci saranno dieci puntate in tutto; la prima sarà registrata il 3 febbraio.

Martedì 12 febbraio.
Per la categoria libri molto noti da recuperare, su Storytel arriverà Il nome della rosa di Umberto Eco, letto da Tommaso Ragno, che nella sua carriera ha letto anche molti libri per Radio Tre. Se avete solo visto il film, di Il nome della rosa, sappiate che di differenze con il romanzo ce ne sono, se non avete visto nemmeno il film, vi piacerà di più leggerlo (o ascoltarlo) senza saperne troppo.

Mercoledì 13 febbraio.
Su Audible sarà disponibile a partire dal 13 febbraio un audiolibro che forse molti genitori stavano aspettando: quello di Storie della buonanotte per bambine ribelli, il bestseller internazionale di Elena Favilli e Francesca Cavallo. Tra le voci che leggono l’audiolibro ci sono quelle di Luciana Littizzetto, Paola Cortellesi, Jasmine Trinca e Levante. Sempre su Audible arriverà 50 sfumature di nero di E.L. James di cui era già disponibile 50 sfumature di grigio, il primo romanzo della trilogia: se siete tra quelli che si sono sempre chiesti come fosse, ma non hanno mai avuto il coraggio di farsi vedere mentre lo leggevano, ora potete farlo discretamente ascoltandolo.

Giovedì 14 febbraio.
Di nuovo per la categoria dei libri da recuperare, tre romanzi di Alberto Moravia, su Storytel dal 14 febbraio: Agostino, La Noia e Storie della preistoria. Il primo, scritto nel 1942, racconta dell’iniziazione alla vita sessuale di un ragazzino di 13 anni; il secondo, del 1960, è un romanzo esistenzialista e racconta in prima persona le vicende di un nobile romano che prova noia per tutto ciò che lo circonda, almeno fino a quando non si innamora. Il terzo, pubblicato nel 1982, è molto diverso: è una raccolta di 21 brevi racconti che hanno per protagonisti animali umanizzati che vivono in una preistoria immaginaria. Sempre il 14 febbraio Storytel renderà disponibile La famiglia Karnowski di Israel J. Singer, letto dall’attore Paolo Pierobon: è una saga familiare che racconta la storia di tre generazioni di una famiglia di origine ebraica tra la fine dell’Ottocento e gli anni Trenta, dalla Polonia a Berlino e a New York.

Venerdì 15 febbraio.
Se Moravia è troppo contemporaneo e vi interessano classici più classici, su Audible il 15 febbraio arriverà Cime tempestose di Emily Bronte, ottimo anche per provare com’è commuoversi ascoltando un audiolibro.

Giovedì 21 febbraio.
Infine il 21 febbraio su Storytel arriveranno un classico in una nuova traduzione e un romanzo uscito l’anno scorso che ha avuto molto successo: il primo è Uomini e topi di John Steinbeck, nella nuova traduzione di Michele Mari, il secondo è Divorare il cielo di Paolo Giordano letto da Alba Rohrwacher. Invece su Audible sarà disponibile Ricordi di un vicolo cieco di Banana Yoshimoto, il 17esimo libro in versione audio che la piattaforma rende disponibile in esclusiva.

Annunci

Non di sola carta: esperienze di un lettore per passione.


Immagine libro braille.


mani che leggono con l’optacon.

Per coltivare le proprie passioni si compiono sacrifici decisamente irrazionali: ho speso cifre iperboliche per i pc, per gli scanner che mi permettevano di leggere quando gli ebook erano una promessa, ho passato notti insonni intorno ai pc, alla musica da ascoltare e suonare. Io poi sono patologico: mi appassiono a molte cose e finisco per esaurirmi e non eccellere in niente. Fermiamoci per ora alla lettura. Forse la fame ti viene quando non hai da mangiare: già ho scritto dei pochissimi libri disponibili in Braille, del mio barare sull’età per carpire libri al bibliotecario del collegio. Ho 2 ricordi straordinari della mia infanzia di lettore: il bibliotecario per farci leggere libri, si sottoponeva ad ore ed ore di dattilografia, facendosi dettare libri che trascriveva; semplicemente commovente il suo sforzo che io premiavo ovviamente leggendo il libro appena dattilografato. Una assistente al doposcuola, l’unica, ci chiamava tutti intorno e ci leggeva ad alta voce i libri di Salgari che ascoltavamo in trance. Ho cominciato poi ad ascoltare i libri registrati su audiocassette: l’ascolto dei libri implica una concentrazione particolare per non arrivare a russare più forte della fonte sonora. All’università, dopo la proverbiale crisi per non poter disporre di libri giuridici, avevo studiato una soluzione col mio ex direttore del collegio, che alla sua chiusura era stato trasferito alla biblioteca civica di Torino, per farmi registrare i libri sui quali studiavo per poi restituire le audiocassette alla biblioteca che le metteva a disposizione di altri. Sono orgoglioso di aver così costituito il primo nucleo di audiolibri della biblioteca. Ho trovato autentici angeli dalle voci sgraziate che, con letture e pronunce terribili, mi hanno comunque permesso di laurearmi e specializzarmi in diritto internazionale. Le possibilità di leggere si sono ampliate: per qualche tempo ho letto con l’optacon, apparecchio costosissimo acquistato in America che consisteva in una telecamera che si faceva scorrere sul foglio, collegata ad una matrice tattile di 144 lamelle che ti vibravano sotto il polpastrello dell’indice sinistro che dopo un po’ ti facevano formicolare tutta la mano. Ho ancora questo cimelio, eppure con quell’apparecchio infernale ho consultato codice civile ed altri, libri, cartine geografiche e stradali e i primi pc commodore, 286 e simili.

Io che leggo con l’optacon

Sono passato alle nastroteche, alle cassette a 4 piste, riversate successivamente su cd e mp3, alle letture scansionando interi libri che poi venivano letti da sintesi vocali marziane all’inizio e via via sempre più performanti. Ho sperimentato radio web dove venivano mandati libri a ciclo continuo. Sono passato alla battaglia con gli editori per ottenere la copia digitale accanto a quella cartacea con risultati poco apprezzabili, ma ricordo la denuncia ad alcuni di noi della Rowling, si proprio lei, per aver divulgato la copia presa allo scanner di un suo libro stra venduto.

E ora che possiamo acquistarci gli ebook a prezzi inferiori al cartaceo da leggerci con gli smartphone, ora che possiamo acquistare o reperire audiolibri letti ad arte da voci professionali, mi duole constatare che in pochi leggono assiduamente. Che in pochissimi sosterrebbero il sacrificio di stare ore allo scanner, di farsi martoriare un dito o di attendere per mesi una copia da leggere o pagare un lettore per farsi registrare un testo, di spendere cifre da capogiro per acquistare una Barra Braille per metterci sopra i libri da leggere e consultare. E le riflessioni potrebbero continuare: in realtà non abbiamo più fame, ci crogioliamo nelle nostre case e nelle tecnologie e non dobbiamo stupirci della decadenza della nostra cultura e della nostra civiltà.

Audiolibri per tutti: perchè e come reperirli!

è chiaro che, nonostante la crisi della lettura, come molte altre cose del resto, il libro svolge ancora una funzione fondamentale nel campo dell’educazione, della trasmissione del sapere, della migliore gestione del tempo libero. Lo scopo però di questo povero articolo, è quello di dare alcune informazioni su dove trovare gli audiolibri che rappresentano un diverso modo di leggere (della serie, non ci sono più scuse … chi vuole leggere può farlo da subito); a proposito: voi che potete scegliere, cosa ne pensate? vi piace leggere-ascoltare? Di questo vorrei argomentare in un altro articolo.
Siamo anni luce, per fortuna, dai tempi in cui esisteva solo il libro cartaceo, e per noi non vedenti la situazione era davvero drammatica anche se abbiamo fatto di necessità virtù. Una biblioteca sola in Italia, pochissimi testi e in pochissime copie: se volevi leggerti un libro, lo dovevi richiedere e sperare che non fosse parcheggiato a Siracusa o a Pinzolo, ti arrivavano valige con chili e chili di volumi, ecco qui i Vangeli che possono essere tascabili, mentre in Braille sono 4 tomi enormi). Volumi, che poi dovevi leggere velocemente e riportare alle poste per spedirli.

vangeli in braille a confronto con la copia in nero.

Ora abbiamo diverse alternative: libri Braille che con le stampanti sono più disponibili, ebooks, scanner per leggere immediatamente ciò che ci interessa anche se dobbiamo dannarci per la correzione dei testi, i testi che possono essere letti tramite il pc o in Braille oppure con sintesi vocali e infine gli audiolibri. Passiamo allora ad un elenco ragionato di risorse che non può essere esaustivo, ma che è una buona base per operare delle ottime scelte.
Sono numerose infatti le piattaforme che permettono una prova gratis, chi un mese, chi due, per capire se questo metodo possa fare per noi.
Si tratta di romanzi che vengono letti da voci adatte a fare ciò, a volte anche più di una. A noi non resta che accendere il dispositivo, sia iphone che pc o lettore cd, e mettere le cuffie ed ascoltare, anche senza cuffie naturalmente, mentre si stira o si fanno lavori manuali.
Audible: www.audible.com che mette a disposizione un numero di libri sempre maggiore in molte lingue ai suoi abbonati. La quota è di 9 euro al mese e il servizio può essere provato per un mese gratuitamente: sia su iphone o smartphone che su pc.
Storytel: www.storytel.com che offre una prova di 14 giorni e presenta innumerevoli testi e classici. Da sito o da app.
Liberliber www.liberliber.com offre innumerevoli libri gratuitamente, ma con una esigua donazione è possibile aiutarli nel loro progetto.
Le registrazioni del programma “ad alta voce” sono disponibili gratuitamente nel loro sito. https://www.raiplayradio.it/programmi/adaltavoce/archivio/audiolibri/
Altro sito di libri classici e non.
https://www.classicipodcast.it/
Una playlist di altri libri reperibile su youtube, continuamente aggiornata.
https://www.youtube.com/playlist?list…
Audioteka.co.it è un servizio mobile per la vendita di audiolibri. I migliori audiolibri di editori rispettabili. Centinaia di ore disponibili gratuitamente per l’ascolto.
https://audioteka.com/it/
https://emonsaudiolibri.it/audiolibri
ottima casa editrice di audiolibri.
Poi esistono alcune piattavorme appositamente dedicate ai non vedenti che quindi sono fruibili solo mediante presentazione di certificati attestanti l’invalidità di cui non parlerò oggi.
Insomma, vi bastano? Qui mi fermo lasciando a chi ne avrà voglia di continuare la ricerca: io ho sostanzialmente scritto la stringa Audiolibri sul solito Google.

Dieci buoni motivi per leggere.

Prendendo spunto dalle conclusioni dell’articolo precedente dove ho constatato con amarezza che non ce la facciamo a convincere i nostri amici ad appassionarsi alla lettura, ma che valga comunque sempre la pena dare stimoli e motivazioni, ripropongo il mio video nel quale enumeravo 10 buoni motivi per leggere.
http://www.youtube.com/watch?v=8LR0wVSS1f4

1 – per diventare scrittori, o comunque per imparare a scrivere, bisogna fare scorpacciate di libri;
2 – leggere è un cibo per la mente e, per questo motivo, deve essere buono;
3 – leggere trasforma la realtà: se sei sul metrò di primo mattino e ti aspetta una grigia giornata di lavoro e fuori piove, puoi sentire l’odore del mare solo con la magia della lettura;
4 – un libro ti aiuta a stare con i piedi per terra, può sembrare una contraddizione ma non lo è: Chi è depresso non legge e perde il contatto con la realtà. Entrare nelle storie degli altri è un esercizio semplice che ci aiuta a sentirci più leggeri;
5 – Ti impedisce di sbattere la testa contro il muro per lo stress: lo prova uno studio condotto da David Lewis neuropsicologo dell’università del Sussex. Ha dimostrato che bastano 6 minuti di lettura per abbassare lo stress del 68 per cento;
6 – Leggere è il segreto di chi ha successo. Questa condizione personalmente non mi affascina, anche perchè non è detto che basta il successo per essere migliori, anzi!
7 – La lettura è il metodo migliore per non rimbambirsi davanti alla televisione: perchè, diciamocelo, tra un buon libro e una telenovela, la scelta non si pone; o si!
8 – Ci evita cattive figure: arricchisce il vocabolario, sfrucullia le nostre sinapsi e insegna il corretto uso dei verbi: perchè se io non avrei letto pile di libri ….
9 – cancella il piattume e ci permette di sperimentare i sentimenti e le emozioni dei personaggi dei libri che stiamo leggendo rinverdendo vecchi e nuovi fremiti;
10 – è una coccola per la mente. Quando leggiamo ci prendiamo il tempo per noi, è un momento solo nostro, scegliamo di regalarci altri spicchi di vita ed emozioni.

Perchè si scrive?

Oggi che il foglio virtuale restava desolatamente vuoto, da qualche giorno non succedeva ed era inevitabile che accadesse, mi sono posto alcune domande. Perchè si scrive: cosa ci spinge a farlo, e perchè ci piace che qualcuno ci legga? Così ho cercato le motivazioni che hanno indotto scrittori a scrivere, assolutamente conscio del fatto che i motivi possono essere migliaia, e che, di questo ne sono convinto, chi più legge, più è in grado di scrivere. HO trovato un testo di Primo Levi che enumerava 9 motivi per cui uno è indotto a scrivere ma, precisa, che ciascuno potrebbe trovarne mille altri. Chissà se qualcuno mi aiuta a trovarne di suoi o nuovi. Questi nove motivi li estraggo liberamente dal suo testo.
“Non sempre uno scrittore è consapevole dei motivi che lo inducono a scrivere, non sempre è spinto da un motivo solo, non sempre gli stessi motivi stanno dietro all’inizio ed alla fine della stessa opera. Mi sembra che si possano configurare almeno nove motivazioni, e proverò a descriverle; ma il lettore, sia egli del mestiere o no, non avrà difficoltà a scovarne delle altre. Perché, dunque, si scrive”?
1) Perché se ne sente l’impulso o il bisogno. È questa, in prima approssimazione, la motivazione più disinteressata. L’autore che scrive perché qualcosa o qualcuno gli detta dentro non opera in vista di un fine; dal suo lavoro gli potranno venire fama e gloria, ma saranno un di più, un beneficio aggiunto, non consapevolmente desiderato. Difficile pensare ad un artista così puro di cuore!
2) Per divertire o divertirsi. Fortunatamente, le due varianti coincidono quasi sempre: è raro che chi scrive per divertire il suo pubblico non si diverta scrivendo, ed è raro che chi prova piacere nello scrivere non trasmetta al lettore almeno una porzione del suo divertimento. A differenza del caso precedente, esistono i divertitori puri, spesso non scrittori di professione, alieni da ambizioni letterarie o non, privi di certezze ingombranti e di rigidezze dogmatiche, leggeri e limpidi come bambini, lucidi e savi come chi ha vissuto a lungo e non invano. Il primo nome che mi viene in mente  è quello di Lewis Carroll, il timido decano e matematico dalla vita intemerata, che ha affascinato sei generazioni con le avventure della sua Alice, prima nel paese delle meraviglie e poi dietro lo specchio. La conferma del suo genio affabile si ritrova nel favore che i suoi libri godono, dopo più di un secolo di vita, non solo presso i bambini, a cui egli idealmente li dedicava, ma presso i logici e gli psicanalisti, che non cessano di trovare nelle sue pagine significati sempre nuovi. È probabile che questo mai interrotto successo dei suoi libri sia dovuto proprio al fatto che essi non contrabbandano nulla: né lezioni di morale né sforzi didascalici.
3) Per insegnare qualcosa a qualcuno. Farlo, e farlo bene, può essere prezioso per il lettore, ma occorre che i patti siano chiari. A meno di rare eccezioni, come il Virgilio delle Georgiche, l’intento didattico corrode la tela narrativa dal di sotto, la degrada e la inquina: il lettore che cerca il racconto deve trovare il racconto, e non una lezione che non desidera. Ma appunto, le eccezioni ci sono, e chi ha sangue di poeta sa trovare ed esprimere poesia anche parlando di stelle, di atomi, dell’allevamento del bestiame e dell’apicultura. Non vorrei dare scandalo ricordando qui La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene di Pellegrino Artusi, altro uomo di cuore puro, che non si nasconde la bocca dietro la mano: non posa a letterato, ama con passione l’arte della cucina spregiata dagli ipocriti e dai dispeptici, intende insegnarla, lo dichiara, lo fa con la semplicità e la chiarezza di chi conosce a fondo la sua materia, ed arriva spontaneamente all’arte.
4) Per migliorare il mondo. Come si vede, ci stiamo allontanando sempre più dall’arte che è fine a se stessa. Sarà opportuno osservare qui che le motivazioni di cui stiamo discutendo hanno ben poca rilevanza ai fini del valore dell’opera a cui possono dare origine; un libro può essere bello, serio, duraturo e gradevole per ragioni assai diverse da quelle per cui è stato scritto. Si possono scrivere libri ignobili per ragioni nobilissime, ed anche, ma più raramente, libri nobili per ragioni ignobili. Tuttavia, provo personalmente una certa diffidenza per chi “sa” come migliorare il mondo; non sempre, ma spesso, è un individuo talmente innamorato del suo sistema da diventare impermeabile alla critica. C’è da augurarsi che non possegga una volontà troppo forte, altrimenti sarà tentato di migliorare il mondo nei fatti e non solo nelle parole: così ha fatto Hitler dopo aver scritto il Mein Kampf, ed ho spesso pensato che molti altri utopisti, se avessero avuto energie sufficienti, avrebbero scatenato guerre e stragi.
5) Per far conoscere le proprie idee. Chi scrive per questo motivo rappresenta soltanto una variante più ridotta, e quindi meno pericolosa, del caso precedente. La categoria coincide di fatto con quella dei filosofi, siano essi geniali, mediocri, presuntuosi, amanti del genere umano, dilettanti o matti.
6) Per liberarsi da un’angoscia. spesso lo scrivere rappresenta un equivalente della confessione o del divano di Freud. Non ho nulla da obiettare a chi scrive spinto dalla tensione: gli auguro anzi di riuscire a liberarsene così, come è accaduto a me in anni lontani. Gli chiedo però che si sforzi di filtrare la sua angoscia, di non scagliarla così com’è, ruvida e greggia, sulla faccia di chi legge; altrimenti rischia di contagiarla agli altri senza allontanarla da sé.
7) Per diventare famosi. credo che solo un folle possa accingersi a scrivere unicamente per diventare famoso; ma credo anche che nessuno scrittore, neppure il più modesto, neppure il meno presuntuoso, neppure l’angelico Carroll sopra ricordato, sia stato immune da questa motivazione. Aver fama, leggere di sé sui giornali, sentire parlare di sé, è dolce, non c’è dubbio; ma poche fra le gioie che la vita può dare costano altrettanta fatica, e poche fatiche hanno risultato così incerto.
8) Per diventare ricchi. Non capisco perché alcuni si sdegnino o si stupiscano quando vengono a sapere che Collodi, Balzac e Dostoevskij scrivevano per guadagnare, o per pagare i debiti di gioco, o per tappare i buchi di imprese commerciali fallimentari. Mi pare giusto che lo scrivere, come qualsiasi altra attività utile, venga ricompensato. Ma credo che scrivere solo per denaro sia pericoloso, perché conduce quasi sempre ad una maniera facile, troppo ossequente al gusto del pubblico più vasto e alla moda del momento.
9) Per abitudine. Ho lasciato ultima questa motivazione, che è la più triste. Non è bello, ma avviene: avviene che lo scrittore esaurisca il suo propellente, la sua carica narrativa, il suo desiderio di dar vita e forma alle immagini che ha concepite; che non concepisca più immagini; che non abbia più desideri, neppure di gloria e di denaro; e che scriva ugualmente, per inerzia, per abitudine, per “tener viva la firma”. Badi a quello che fa: su quella strada non andrà lontano, finirà fatalmente col copiare se stesso. È più dignitoso il silenzio, temporaneo o definitivo.
Sicuramente più dignitoso il silenzio. Ovviamente poco da aggiungere, anche se Primo Levi non poteva forse neppure immaginare internet e i blog. Io fondamentalmente scrivo per una ragione: ho bisogno di riordinare, classificare e distillare idee; non per farmi delle idee immutabili, piuttosto per non mutuare pedissequamente giudizi premasticati dagli altri. Capita quindi che mi attraversi un pensiero, una intuizione: ci lavoro, la ripenso, leggo e alla fine, per evitare che l’idea venga schiacciata dalla mole di altre idee e dati, la devo mettere per iscritto. Probabilmente se scrivessi un racconto o un romanzo avrei altre motivazioni ma, è appurato che non sono uno scrittore e che il mio intento è ben più modesto. E allora quale è di questi o di altri il vostro motivo preferito, ammesso che abbiate avuto il coraggio di arrivare alla fine?

Il web

Il web

https://squarcidisilenzio.wordpress.com/2019/01/06/il-web/
— Leggi su squarcidisilenzio.wordpress.com/2019/01/06/il-web/

Ho lasciato il link di un articolo che sottoscrivo e condivido invitandovi alla lettura. Io parto da una esperienza diversa che porta a trarre le stesse conclusioni dell’articolo in questione. Ho cominciato con facebook timidamente, quasi contro voglia con l’account creato da un mio amico quasi contro la mia volontà. Così è stato anche con youtube che per 4 anni non ha visto un video. Poi ho individuato potenzialità e possibilità per far conoscere la mia attività, per dare un senso. Ho quindi raccolto le farie sfide sui social: pagina facebook, video tutorial su youtube, instagram che non digerisco proprio e da ultimo il blog. Davvero aveva ragione Umberto Eco quando affermava che:
«I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli».
Senza troppo approfondire, resta il problema: cosa fare, come difendersi o, se è ancora possibile, come bonificare, valorizzare. Ciascuno di noi sperimenta la sua strategia: indifferenza, bloccare gli odiatori o gli elementi di disturbo ma, su un punto credo non si debba negoziare. Abitare i social, affinare i nostri criteri di selezione, di scelta di contenuti e persone. Anche qui mi soccorre Umberto Eco, Bauman e molti altri: la cultura non è sapere tutto ma, sapere dove cercare ciò che ci serve in quel momento senza attingere nel fango dei pregiudizi, delle tesi già preconfezionate o smaccatamente populiste e demagogiche. La voglia di comunicare sinceramente esiste ancora e anche nei social al di là dei like, delle emoticons, delle immagini superficiali, dei distillati di odio e di invidia. Le perle ci sono anche qui e dovbiamo solo con pazienza affinare la nostra capacità di recuperarle.